Dalla fusione di Elite e “A2” nasce la nuova Serie “A”

Con un anno di anticipo rispetto all’intenzione di riportare a dodici il numero delle squadre partecipanti alla massima serie di hockey ghiaccio, il nuovo Presidente della Fisg Andrea Gios coadiuvato dal suo Vice Reinhard Zublasing, hanno ufficializzato l’unificazione dell’Elite “A” alla Serie “A2”, posticipando nel contempo sino a mercoledì 23 luglio il termine ultimo relativo alle iscrizioni e preannunciando altresì la riduzione da cinque a quattro sul tesseramento del numero di transfer card con Categoria B.

Una decisione giusta, seppure obbligata dopo la rinuncia del Merano a partecipare all’ormai defunta Serie “A2”, alla proroga richiesta dalla Valpellice ed alla speranza magari di recuperare in extremis una piazza importante come quella di Alleghe, che d’altra parte però si scontra con i programmi sportivi internazionali di Appiano, Caldaro, Egna e Valgardena, impegnate sul doppio fronte italo-austriaco vista la loro partecipazione alla INL, messa ora a forte rischio ed in dubbio.

Così facendo quindi da settembre prenderà al via la nuova Serie “A” 2014-2015 in versione a dodici squadre considerando la conferma delle attuali otto squadra di prima serie (Asiago, Cortina, Fassa, Milano, Renon, Valpellice, Valpusteria e Vipiteno) e della quattro cadette (Appiano, Caldaro, Egna e Valgardena), mentre come da regolare ordine alfabetico la Serie “B” tornerà a rappresentare la seconda serie nazionale, riproponendo alla stesso tempo un’altra piazza hockeystica importante come quella di Torino.

Sul fronte extra organizzativo, segnaliamo infine che i campioni d’Italia del Renon freschi dell’ingaggio dal Fassa del 23.enne attaccante ruolo centro Simon Kostner, hanno ufficialmente presentato domanda alla IIHF di poter organizzare a Collalbo uno dei due gironi di semifinale di Continental Cup.

About The Author

Related posts