Champions Hockey League: il format 2019-2020

Champions Hockey League: il format 2019-2020

(daniele amadasi)  Durante l’edizione dei Mondiali 2019 di Top Division in Slovacchia, la IIHF ha reso noto il programma ed il format della prossima edizione della Champions Hockey League targata 2019-2020.

Trentadue le squadre ai nastri di partenza, delle quali 23 appartenenti ai comitati nazionali dei sei campionati di Svezia (5 squadre di SHL), Svizzera (5 di NL), Finlandia (4 di Liiga), Cekia (4 di ExtraLiga), Austria (3 di EBEL) e Germania (3 di DEL) fondatori della rinnovata CHL.
In aggiunta a queste 23 squadre le nove in rappresentanza dei cosiddetti campionati di prima fascia, con doppia presenza a livello di Gran Bretagna e singola di Norvegia, Danimarca, Gran Bretagna, Bielorussia, Francia, Polonia e Slovacchia.
Da registrare la mancanza dell’Arlan Kokshetau (Kazakhstan) vincitore della scorsa edizione della IIHF Continental Cup rimpiazzata dal Belfast Giants (Gran Bretagna) secondo classificato e quella di una rappresentante di Lettonia ed Italia, nonostante la presenza in Top Division Mondiale delle rispettive nazionali.

Il via alla sesta nuova edizione della IIHF Champions League è fissato per giovedì 29 e sabato 30 agosto,  serate nelle quali andranno in scena le sedici gare della prima giornata della fase a gironi che al termine delle sei giornate (15-16 ottobre) andrà a definire la griglia di partenza dei play-off ad eliminazione diretta.
Le prime due classificate di ognuno degli otto gironi accederanno di fatti agli ottavi di finale (gare di andata il 12-13 novembre, ritorni il 19-20 novembre); a seguire quarti di finale (3- 4 e 10 dicembre), semifinali (7-8 e 14-15 gennaio 2019) e la finalissima in gara unica (4 febbraio).
Principale favorito alla vittoria finale la formazione del Frölunda Indians Göteborg vincitore di tre delle ultime cinque edizioni, caratterizzate sinora da ben quattro vittorie svedesi e da una sola finlandese.

Di seguito la composizione degli otto gironi della fase eliminatoria.
Gruppo “A”: Tappara Tampere (Finlandia), Frisk Asker (Norvegia), Biel (Svizzera) e KAC Klagenfurt (Austria).
Gruppo “B”: HC Victoria Plzen (Cekia), Rungsted Seier Capital (Danimarca), HPK Hämeenlinna (Finlandia) e Zugo (Svizzera).
Gruppo “C”: Bílí Tygri Liberec (Cekia), Augsburger Panther (Germania), Luleå Hockey (Svezia) e Belfast (Gran Bretagna).
Gruppo “D: Ocelári Trinec (Cekia), Lahti Pelicans (Finlandia), HC Losanna (Svizzera) e Yunost Minsk (Bielorussia)
Gruppo E: AIK Skellefteå (Svezia), Kärpät Oulu (Finlandia), SC Berna (Svizzera) e Grenoble (Francia)
Gruppo F: Adler Mannheim (Germania), Vienna Capitals (Austria), Djurgardens Stoccolma (Svezia) e GKS Tychy (Polonia).
Gruppo G: Ambri Piotta (Svizzera), Färjestad Karlstad (Svezia), HC05 Banská Bystrica (Slovacchia) e Red Bull Monaco Baviera (Germania).
Gruppo H: Graz 99.ers (Austria), Frölunda Indians Göteborg (Svezia), HK Mountfield (Cekia) e Cardiff (Gran Bretagna).

L’albo d’oro della rinata IIHF CHL.
2014-2015: Lulea Hockey (Svezia).
2015-2016: Frolunda Indians Göteborg (Svezia).
2016-2017Frolunda Indians Göteborg (Svezia).
2017-2018: Jyp Jyväskylä (Finlandia).
2018-2019: Frölunda Indians Göteborg (Svezia).

About The Author

Related posts