Focus NHL: il resoconto degli Awards 2019

Focus NHL: il resoconto degli Awards 2019

(rossana pilotti)  A pochi giorni dall’assegnazione della Stanley Cup 2019 ai Saint Louis Blues, in quel di Las Vegas, per il sesto anno consecutivo, è andata in scena la serata degli Awards 2019, di seguito descritta attraverso il nostro consueto appuntamento settimanale firmato dal “Focus NHL”.

Serata degli Oscar NHL 2019 che è ripartita dagli altri tre premi a squadre vinti dai Tampa Bay Lightning con il Presidents’ Trophy grazie ai 128 punti che sono valsi il primo posto assoluto in regular season, dai Boston Bruins con il Wales Trophy relativo al titolo di campioni della Eastern Conference ed ai Saint Luois con il Clarence S. Campbell Bowl relativo al  al titolo di campioni della Western Conference.

A livello di giocatori invece tripla premiazione per Nikita Kucherov (Tampa Bay Lightning) vincitore dell’Hart Memorial Trophy come migliore giocatore della stagione, dell’Art Ross Trophy e del Ted Lindsay Award, doppio riconoscimento per Ryan O’Reilly  (Saint Louis Blues) con il Conn Smythe Trophy quale migliore giocatore dei play-off ed anche con il Frank J. Selke Trophy e singolo per lo zar Alex Ovechkin (Washington Capitals) con il Maurice Richard Trophy grazie ai 51 gol realizzati in regular season.

Altri premi per Elias Pettersson (Vancouver Canucks) con il Calder Memorial Trophy, Andrei Vasilevskiy (Tampa Bay Lightning) con il Vezina Trophy, Mark Giordano (Calgary Flames) con il James Norris Memorial Trophy, Aleksander Barkov (Florida Panthers) con il Lady Byng Memorial Trophy,  Jason Zucker (Minnesota Wild) con il King Clancy Memorial Trophy, Robin Lehner (New York Islanders) con il Bill Masterson Memorial Trophy, Travis Hamonic (New York Islanders) con l’NHL Foundation Player Award, Wayne Simmonds (Nashville Predators) con il Mark Messier NHL Leadership Award e l’accoppiata dei goalie Robin Lehner e Thomas Greiss (New York Islanders) con il William M. Jennings Trophy.

Infine gli NHL Awards 2019 al migliore allenatore dell’anno firmato da Barry Trotz (New York Islanders) con il Jack Adams Award e dal General Manager Don Sweeney (Boston Bruins) con il GM of the Year.

About The Author

Related posts