Qui NHL: alla scoperta dei Calgary Flames versione 2017-2018

Qui NHL: alla scoperta dei Calgary Flames versione 2017-2018

(rossana pilotti)  Ventisettesima tappa del nostro percorso di presentazione delle 31 franchigie che prenderanno parte all’edizione 2017-2018 della National Hockey League: dopo la volta dei Los Angeles Kings, Edmonton Oilers e San José Sharks restiamo in Pacific Division andando alla scoperta dei Calgary Flames.

Famosi nell’intera Lega per cambiare e consumare goalie manco fossero fazzoletti da naso (da Calgary sono transitati in tempi recenti senza lasciare la benché minima traccia Jonas Hiller, Karri Ramo, Niklas Backstrom e Joni Ortio), i Calgary Flames hanno deciso durante l’estate di non riconfermare neppure il tandem della scorsa stagione, composto da Brian Elliot e Chad Jonhson.
Elliot è stato lasciato andare e da free agent si è accasato ai Philadelphia Flyers (come abbiamo già scritto in un altro articolo), invece Chad Johnson è stato coinvolto nello scambio con gli Arizona Coyotes, che ha portato nella provincia canadese dell’Alberta quello che è stato individuato dai dirigenti della franchigia come il nuovo goalie titolare: Mike Smith.
I canadesi lo hanno scambiato per Johnson, il giovanissimo difensore Brandon Hickey ed una scelta condizionale al 3° turno dell’Entry Draft 2018 e poi hanno proposto al 35.enne estremo difensore un ingaggio biennale, da 5,67 milioni di dollari a stagione. A lui è affidato il compito di diventare il pilastro su cui si reggerà tutta l’architettura difensiva dei Flames, che è stato un po’ il tendine d’Achille della franchigia canadese nelle ultime stagioni.
Per fargli da back-up, lo scorso giugno il G.M. Brad Treliving ha messo in piedi una trade con i Carolina Hurricanes, che ha portato all’acquisizione di Eddie Lack, insieme al difensore Ryan Murphy e ad una scelta al 7° turno dell’Entry Draft 2019, in cambio del difensore Keegan Kanzig e di una scelta al 6° turno sempre dello stesso Entry Draft.

A completare il nuovo “pacchetto” arretrato dei made in Alberta c’è anche il 23.enne Jon Gillies, selezionato dalla stessa franchigia dell’Alberta al 3° turno dell’Entry Draft 2012.
Ma le operazioni in entrata non sono finite qui: l’obiettivo principale è stato sempre quello di rinforzare la difesa e così, da uno scambio con i New York Islanders, è arrivato Travis Hamonic.
Mentre il 30 giugno scorso, è stato rinnovato in casa Calgary Flames per i prossimi 3 anni, a 3,5 milioni di dollari a stagione, un altro difensore: Michael Stone, arrivato a Calgary il 20 febbraio scorso nell’ambito di uno scambio con gli Arizona Coyotes.
L’attacco dei Flames è il reparto che ha creato meno problemi, anche perché sono 4 stagioni che i canadesi sono impegnati in un’opera di rifondazione che ha portato alla luce i talenti di Johnny Gaudreau, Sean Monahan, Matthew Tkachuk e Sam Bennett, 4a scelta assoluta all’Entry Draft 2014, il quale quest’estate non appena divenuto free agent, è stato subito rinnovato per i prossimi 2 anni, ad 1,95 milioni di dollari a stagione. Senza dimenticare la preziosa esperienza fornita da Troy Brouwer, Kris Versteeg e Michael Frolik, uniti dal fatto di avere militato nei Chicago Blackhawks e di aver vinto con la franchigia di Windy City la Stanley Cup.

About The Author

Related posts