Qui NHL: alla scoperta dei San José Sharks versione 2017-2018

Qui NHL: alla scoperta dei San José Sharks versione 2017-2018

(rossana pilotti)  Ventiseiesima tappa del nostro percorso di presentazione delle 31 franchigie che prenderanno parte all’edizione 2017-2018 della National Hockey League: dopo la volta dei Los Angeles Kings e Edmonton Oilers restiamo in Pacific Division andando alla scoperta dei San José Sharks

I San José Sharks rimangono una delle squadre più competitive della Pacific Division, ma il gap con le avversarie si assottiglia sempre di più e lo si è visto chiaramente negli scorsi playoff, allorquando gli Edmonton Oilers li hanno buttati fuori addirittura al 1° turno, con l’attacco dei Californiani che è rimasto pericolosamente a secco di gol…
Si potrà obiettare che Joe Thornton ha giocato infortunato, con una lesione ai tendini del ginocchio sinistro per cui è stato operato durante l’estate, che Tomas Hertl, pure lui a causa di un infortunio, la scorsa stagione ha disputato solamente 49 gare e che Logan Couture, colpito accidentalmente alla bocca dal puck in uno degli ultimi match della regular season, ha sì recuperato a tempo di record per rientrare nei playoff, tuttavia non era al meglio ed ha avuto ben poco impatto.
Però, la perdita del più prolifico attaccante nella storia della franchigia durante l’estate: ci riferiamo a Patrick Marleau, che dopo 19 stagioni (in pratica tutta la sua carriera da professionista) agli Squali, ha lasciato da free agent per firmare ai Toronto Maple Leafs un nuovo contratto triennale economicamente “pesante” (probabilmente l’ultimo della sua carriera), lascia un vuoto nell’attacco dei Californiani che non sarà facilmente colmabile.

O meglio, ciò che si aspettano i dirigenti della franchigia dei San Josè Sharks è che i giovani che si sono messi in luce nelle ultime stagioni, come Tomas Hertl, Joonas Donskoi, Melker Karlsson, Chris Tierney (fresco di rinnovo annuale) o Timo Meier, si confermino in questa stagione 2017/18 che sta per cominciare, supportando adeguatamente l’esperienza di Joe Thornton, Joe Pavelski e Logan Couture o addirittura compiendo l’ultimo, ma decisivo passo, verso la consacrazione definitiva: divenire essi stessi i nuovi leader dell’attacco degli Squali! 
Sia Joe Thornton che Patrick Marleau erano arrivati in scadenza di contratto, ma il G.M. Doug Wilson ha deciso di trattenere il solo “Jumbo Joe” perché, a 38 anni suonati, ha accettato di firmare un rinnovo solamente annuale, seppure “profumatamente” pagato (8 milioni di dollari), che di conseguenza avrà un impatto minore sul monte salari della franchigia.
L’aspetto economico è stato decisivo, perché si sono dovuti affrontare i rinnovi di 2 altri giocatori-chiave (più giovani però): il difensore Marc-Edouard Vlasic (8 anni, si dice a 7 milioni di dollari a stagione, ma si tratta di una indiscrezione non confermata) ed il goalie Martin Jones (6 anni, a 5,75 milioni di dollari, anche in questo caso si tratta di una indiscrezione non confermata).
Infine, il difensore David Schlemko è stato scelto dai Vegas Golden Knights nell’ambito dell’Expansion Draft, mentre dal mercato dei free agent è arrivato, come attaccante di “complemento” del roster dei San Josè Sharks, Brandon Bollig.

About The Author

Related posts