Focus NHL: alla scoperta dei Pittsburgh Penguins 2019-2020

Focus NHL: alla scoperta dei Pittsburgh Penguins 2019-2020


(rossana pilotti)  Dopo la presentazione dei New York Islanders proseguiamo il nostro viaggio alla scoperta delle 31 franchigie che prenderanno parte alla stagione professionista nordamericana 2019-2020, restiamo in Metropolitan Division ed andando alla scoperta in questa nostra ventisettesima puntata dei Pittsburgh Penguins.


Il leit-motiv di questa stagione appena cominciata per la compagine capitanata da Sidney Crosby sarà come  rimpiazzare la produzione offensiva che Phil Kessel garantiva perché, il 29 giugno scorso, è stato inviato agli  Arizona Coyotes in cambio del 25.enne Alex Galchenyuk e del 20.enne difensore Pierre-Olivier Joseph, che  al momento è stato mandato nel team AHL affiliato di Wilkes-Barre/Scranton per fare esperienza e prepararsi al “grande salto” nella NHL, ma ovviamente in caso di infortuni seri ai titolari del reparto arretrato, potrà venire richiamato per essere impiegato in prima squadra.

A proposito della difesa dei Pinguini, non ci troveremo più Olli Maatta, che è stato al centro di uno  scambio con i Chicago Blackhawks datato 15 giugno scorso, dal quale a Pittsburgh hanno ricevuto il 24.enne attaccante Dominik Kahun, che abitualmente gioca in ala, ma all’occorrenza potrebbe venire spostato al  centro dello schieramento offensivo.
Dal mercato dei free agent è invece arrivato Brandon Tanev, messo sotto contratto dal G.M. dei Pittsburgh Penguins Jim  Rutherford per le prossime 6 stagioni, a 3,5 milioni di dollari a stagione.
Nelle idee di G.M. e capo-allenatore Tanev dovrebbe portare tanta grinta e durezza nell’attacco dei Pinguini.  Tuttavia, dopo solo una settimana di partite della regular season 2019/20, i piani originari che coach Mike Sullivan poteva avere per la squadra sono già saltati. Infatti, sabato scorso, nel corso del match vinto per 7-2 dai Pinguini sui Columbus Blue Jackets, si sono  infortunati sia Evgeni Malkin che Nick Bjugstad e dopo i controlli medici effettuati all’indomani del match,  sembra che staranno fuori parecchio, anche se la tipologia di infortunio non è stata resa nota.
Non ci voleva proprio, anche perché queste 2 defezioni vanno ad aggiungersi a quella pre-stagionale di Bryan Rust e quindi nella gara casalinga di martedì 8 ottobre, che li vedeva opposti ai Winnipeg Jets e che i  Pinguini hanno perso 1-4, Jared Mc Cann è stato “promosso” nella seconda linea d’attacco di Pittsburgh, accanto ai neo-acquisti Galchenyuk e Tanev, mentre Teddy Blueger, reduce da un rinnovo biennale la scorsa
estate, ha avuto l’occasione di diventare il centro della terza linea ed inoltre, dal “farm-team” AHL di Wilkes-Barre/Scranton è stato chiamato l’attaccante 24.enne Sam Lafferty, che ha fatto il suo debutto assoluto in
NHL.
Insomma, una “banda di ragazzini” con poca esperienza a questi livelli, ma hanno il coach giusto che saprà motivarli a dovere e farli “sbocciare”, come successe già qualche stagione fa al goalie Matt Murray.

About The Author

Related posts