Focus NHL: alla scoperta dei Colorado Avalanche 2019-2020

Focus NHL: alla scoperta dei Colorado Avalanche 2019-2020

(rossana pilotti) Dopo la presentazione dei Nashville Predators proseguiamo il nostro viaggio alla scoperta delle 31 franchigie che prenderanno parte alla stagione professionista nordamericana 2019-2020 andando alla scoperta in questa nostra quarta puntata dei Colorado Avalanche, che stanno mettendo una squadra di altissimo livello.

Il 28 giugno scorso, da uno scambio con i Washington Capitals, hanno ricevuto l’attaccante André Burakovsky, a cui si è aggiunto il centro Nazem Kadri, arrivato a Denver da un’altra trade con i Toronto Maple Leafs, proprio nel giorno di apertura del mercato dei free agent: il 1° luglio. Quella di Kadri è una aggiunta importante, sia per garantire sempre pericolosità in attacco, anche quando la prima linea Mac Kinnon – Rantanen – Landeskog è a riprendere fiato in panchina, sia nelle situazioni di superiorità numerica.
Oltre a lui, dai Meaple Leafs, è arrivato anche il difensore Calle Rosen ed una scelta al 3° turno dell’Entry Draft dell’anno prossimo. A Toronto, invece, sono andati l’attaccante Alexander Kerfoot ed il difensore Tyson Barrie.
Gli Avs’ hanno dovuto “mollare” giocatori di talento se volevano arrivare a Kadri e poi la scorsa stagione nel reparto arretrato è letteralmente “esploso” il talento di Cale Makar e quindi, la dirigenza della franchigia delle Montagne Rocciose ha deciso che poteva privarsi di Barrie, per puntare forte su Makar. In più c’è da rimarcare che all’Entry Draft di questo anno, come quarta scelta assoluta, gli Avs’ hanno selezionato un altro difensore: il 18.enne Bowen Byram, forte fisicamente ed ottimo pattinatore, con visione di gioco, proveniente dalla squadra di Vancouver, nella Western Hockey League e ci sono buone probabilità che coach Jared Bednar lo faccia debuttare in NHL già dal prossimo 2 di ottobre, se uno tra Erik Johnson o Ian Cole non dovesse recuperare in tempo dai rispettivi infortuni alla spalla ed all’anca.
Dal mercato dei free agent sono arrivati l’attaccante finlandese Joonas Donskoi, ex dei San José Sharks ed il veteranissimo francese Pierre-Edouard Bellemare; sempre utile per “far legna” nella terza o quarta linea d’attacco. Quindi, la squadra è sicuramente migliorata, però Mikko Rantanen è entrato nell’ultimo anno di contratto, eppure gli Avs’ non si sono ancora decisi ad aprire i cordoni della borsa pur di trattenerlo a lungo termine con loro. 
Il 22.enne finlandese è reduce da una stagione in cui ha stabilito il suo career-high di 87 punti (31 gol, 56 assist) al fianco di Nathan Mac Kinnon e di Gabriel Landeskog, in quello che è stato a lungo il più micidiale attacco dell’intera Lega. Per ammissione del G.M. degli Colorado Avalanche Joe Sakic, nei giorni dell’Entry Draft, nel giugno scorso, ci sono stati dei contatti con il suo agente, ma per il momento tutto tace e lui, il mese scorso, è andato ad allenarsi con lo Storhamar, squadra che milita nel massimo campionato di hockey norvegese, postando poi sui social le foto.
Un altro dubbio riguarda il ruolo chiave del portiere, dove non troveremo più Semyon Varlamov, che da free agent se ne è andato ai New York Islanders, bensì Philip Grubauer, arrivato la scorsa stagione per fare da secondo al russo e promosso titolare dalla partenza di quest’ultimo. Per il 27.enne tedesco si tratta della prima esperienza in carriera come titolare.

About The Author

Related posts