Supercoppa Italiana: trionfa l’Asiago di coach Parco (1-0 sulla Valpe)

Per la seconda volta nella sua storia ed a dieci anni di distanza, l’Asiago vince la Supercoppa Italiana, aggiungendo nella propria bacheca anche l’edizione 2013 dopo quella del 2003.
All’Odegar l’Asiago di coach Parco fa sua di misura la sfida secca contro la Valpellice del nuovo attaccante statunitense Tyler Maxwell per 1-0 (1-0, 0-0, 0-0), al termine di una gara decisa dalla rete dell’asiaghese De Vergilio al minuto 08’20" del primo tempo in situazoone di power play (assist della marcatura ad Ulmer e Bentivoglio) e dallo shut-out del goalie vicentino Marozzi (33 parate su 33 tiri subiti), risultato alla pari del collega piemontese Frazee (36 parate su 37 tiri) uno dei migliori sul ghiaccio.
Per la Valpellice di coach Flanagan giunta a disputare la sua prima finale di Supercoppa Italiana dopo la vittoria della scorsa edizione della Coppa Italia, appuntamento rinviato, magari già alla prossima stagione. Sul fornte direzione di gara invece, da registrare la buona la prestazione della quaterna Cassol, Pianezze, Biacoli e Zatta (20 i minuti di penalità complessivi, 10′ per parte), davanti ai 1’500 spettatori accorsi sulle tribune dell’Odegar.
Al termine della gara abbiamo intervistato l’allenatore dell’Asiago. Jhon Parco e di seguito vi riportiamo il resoconto della nostra chiaccherata.

Ciao John, complimenti per la vittoria in questa finale di Supercoppa Italiana che torna ad Asiago dopo 10 anni con una vittoria molto sofferta e incredibilmente di 1 a 0 proprio come 10 anni fa’ a Milano. Valpe di stasera che non era certo la stessa incontrata in campionato un paio di settimane fa’. Come hai vissuto la conquista di questo primo trofeo stagionale?
"Vincere e’ sempre bello e fa bene al morale… Credo che la partita l’abbiamo meritata. Loro sono venuti qui con una preparazione molto migliore di quella della partita in cui hanno perso 6 a 0. Io lo avevo gia’ detto alla vigilia che non sarebbe stato facile. Ci siamo difesi bene e in modo ordinato, abbiamo creato delle occasioni da goal ma il loro portiere Frazee ha parato molto, ottimo portiere veramente! Purtroppo non siamo riusciti a chiudere prima, a fare piu’ goal anche per lo spettacolo, ma non era facile contro questa Valpellice. Nel primo tempo abbiamo subito veramente pochi tiri, tre, quattro, che e’ poco per una finale; nel secondo tempo abbiamo commesso qualche errore di troppo e nel finale di drittel potevamo anche segnare il secondo goal. Nel terzo tempo ci siamo chiusi bene e gli abbiamo concesso veramente poco. Poi abbiamo in porta Vincenzo (Marozzi) che ci da molta fiducia, ci fa stare tranquilli, e’ molto solido, concentrato, anche in una partita cosi’ e malgrado la giovane eta’ e’ riuscito a stare molto concentrato…. Molto molto bene!"

John, tra poco piu’ di un mese c’e’ un altro impegno molto importante per la vostra stagione, la Continental Cup. Come giudichi lo stato di forma della tua squadra a un mese da questo appuntamento?
"Certammente siamo ancora un po’ indietro, ma la partita di oggi mi ha dato segnali molto positivi. Dobbiamo lavorare ancora un po’ sul ritmo partita, ci vogliono delle partite importanti come quella di oggi, oppure come quella di Giovedi’ scorso contro Valpusteria per vedere  come sta la squadra. Direi comunque che ci stiamo arrivando."

Infine passiamo alla Coppa Italia. Nell’intervallo ci sono state le scelte, i draft, per la disputa dei quarti di finale. Il Valpusteria ha scelto il Cortina, il vostro presidente Vescovi ha scelto poi il Vipiteno e infine gioco forza il Valpellice ha dovuto prendere il Milano. Quindi per l’Asiago sara’ il Vipiteno che in questo campionato vi ha gia’ dato un primo dispiacere.
"Si, e’ vero abbiamo perso in casa loro nella terza di campionato, ma credo che sara’ una sfida diversa… noi siamo cresciuti rispetto a quel periodo, mentre loro so che hanno cambiato un paio di giocatori e quindi la squadra si sara’ rinforzata…. Vedremo, ma sara’ di sicuro un’altra partita. Sono stupito che il Valpusteria abbia scelto il Cortina, mi sarei aspettato che scegliessero loro il Vipiteno."

L’albo d’oro della Supercoppa Italiana
2001: Milano Vipers
2002: Milano Vipers
2003: Asiago Hockey
2004: Bolzano Foxes
2005: non disputata
2006: Milano Vipers
2007: Bolzano Foxes
2008: Bolzano Foxes
2009: Renon
2010: Renon
2011: Valpusteria
2012: Bolzano Foxes
2013: Asiago Hockey

About The Author

Related posts