Qui NHL: alla scoperta dei Columbus Blue Jackets versione 2017-2018

Qui NHL: alla scoperta dei Columbus Blue Jackets versione 2017-2018

(rossana pilotti)  Ottava tappa del nostro percorso di presentazione delle 31 franchigie che prenderanno parte all’edizione 2017-2018 della National Hockey League:  dopo la volta dei Pittsburgh Penguins, Philadelphia Flyers, New York Rangers, New Islanders, Washington Capitals, Carolina Hurricanes e New Jersey Devils, concludiamo oggi il nostro viaggio in Metropolitan Division parlando dei Columbus Blue Jackets.

I Columbus Blue Jackets hanno terminato la regular season scorsa al 4° posto nella classifica generale della Lega, dopo aver vinto 50 partite su 82, totalizzando ben 108 punti, ma la loro avventura nei playoff è stata di brevissima durata: eliminati sin dal 1° turno dai futuri campioni NHL dei Pittsburgh Penguins, fornendo una prestazione piuttosto anonima per la verità…
Può essere che il gruppo giovane ed alla prima partecipazione ai playoff in carriera per molti dei giocatori, abbia pagato questa inesperienza. Fatto sta che, dopo avere inseguito invano Matt Duchene dei Colorado Avalanche, i BlueJackets hanno imbastito una trade con i Chicago Blackhawks incentrata su Artemi Panarin ed alla fine sono riusciti a strappare il miglior rookie della stagione 2015/16 agli Hawks, portandolo alla corte di coach John Tortorella insieme ad un altro attaccante Tyler Motte.
A Chicago sono andati in cambio Brandon Saad (ma in questo caso si tratta di un ritorno) ed il goalie Anton Forsberg, più una scelta al 5° turno dell’Entry Draft 2018 che i Blue Jackets si sono scambiati per una al 6° turno dell’Entry Draft 2017 con gli Hawks.

Il colpo di mercato è di quelli destinati a fare rumore, soprattutto se Panarin si troverà bene coi nuovi compagni di squadra, come riuscì a fare con Patrick Kane a Chicago, ma ci sono stati anche altri movimenti di mercato specialmente in uscita: se ne è andato Sam Gagner, che da free agent ha firmato coi Vancouver Canucks ed il centro William Karlsson è stato “sacrificato” nell’Expansion Draft che ha fornito alla nuova franchigia dei Vegas Golden Knights il numero di giocatori sufficiente per comporre una squadra.
Infine, i Blue Jackets hanno messo sul mercato gli ultimi 2 anni del contratto siglato con Scott Hartnell, poi ritirato dai Nashville Predators. La nutrita rosa è stata sfoltita, è vero, ma il cuore della squadra è rimasto intatto, è composto da giocatori pieni di talento e ancora giovani, come Boone Jenner, Oliver Bjorkstrand, Cam Atkinson, Alexander Wennberg, Zack Werenski, Seth Jones ed il vincitore del Vezina Trophy 2017 Sergei Bobrovsky ai quali è stato affiancato un fuoriclasse 25.enne (Panarin), che proviene da una squadra di elité nella Lega (gli Hawks), abituata quindi ad arrivare fino in fondo nei playoff.

About The Author

Related posts