Focus NHL: alla scoperta dei New York Rangers versione 2018-2019

Focus NHL: alla scoperta dei New York Rangers versione 2018-2019

(rossana pilotti)  Seconda tappa nell’ambito del nostro Focus NHL di presentazione delle 31 franchigie edizione 2018-2019, che riparte, dopo la volta dei campioni in carica dei Washington Capitals ma rimanendo nell’ambito della Metropolitan Division, dai New York Rangers.

NY Rangers che la scorsa stagione sono rimasti fuori dai playoff per la prima volta dal 2010 e “quest’onta” è costata la panchina ad
Alain Vigneault il 7 aprile scorso. Nell’ultimo mese della regular season 2017-2018 la original six della Grande Mela ha letteralmente smantellato la squadra, cedendo i propri migliori giocatori come Ryan Mc Donagh o Rick Nash (ma se ne potrebbero fare altri di nomi) in cambio di giovani.
Quindi, ai nastri di partenza della nuova stagione 2018-2019, i New York Rangers si presentano con molto più potenziale che esperienza ed al fine di coltivare al meglio questo potenziale, hanno scelto come capo-allenatore David Quinn, che proviene dal campionato universitario NCAA, dove allenava la squadra della Boston University, ma ha avuto anche esperienze in AHL ed infine è stato assistant coach ai Colorado Avalanche nella stagione 2012-13.
A lui ed ai veterani rimasti come Henrik Lundqvist, Kevin Shattenkirk, Mats Zuccarello, Kevin Hayes e Chris Kreider il compito di fare da “chioccie” a Lias Andersson e Filip Chytil, scelti entrambi all’Entry Draft 2017, il primo ha iniziato la scorsa stagione al Frolunda, nel massimo campionato svedese di hockey ed è poi approdato lo scorso gennaio in AHL, nel team affiliato di Hartford; ha anche già disputato le ultime 7 gare della scorsa regular season in prima squadra, così come il secondo, che nel match del 30 marzo scorso contro i Tampa Bay Lightning ha messo a segno il suo 1° gol in NHL.
Quasi sicuramente troveranno impiego stabile nella stagione ormai alle porte come centri della terza o quarta linea, mentre in difesa impareremo a conoscere Libor Hajek, arrivato dai Bolts nell’ambito dello scambio che ha avuto per protagonisti Ryan McDonagh e J.T.Miller e Ryan Lindgren, anch’egli arrivato ai Rangers da uno scambio: quello che ha portato ai Boston Bruins Rick Nash.
Sembra che l’intenzione di coach Quinn e del G.M. Jeff Gorton sia di lanciare in prima squadra ben 5 rookie. Ai 4 che vi abbiamo già presentati, si aggiungerebbero il goalie Alexandar Georgiev, back-up di Lundqvist e sempre tra gli attaccanti Michael Lindqvist, 23.enne proveniente dal Farjestad BK della Swedish Hockey Leauge o Ville Meskanen, 22.enne che la scorsa stagione ha militato nell’Ilves, nel massimo campionato finlandese di hockey.
Attesi alla riconferma 2 giovani che si sono messi in luce nella scorsa stagione e su cui si fa molto affidamento: gli attaccanti Pavel Buchnevich e Vladislav Namestnikov, quest’ultimo malgrado le sole 19 partite disputate con i Rangers, dopo lo scambio che lo portò a New York da Tampa Bay.

About The Author

Related posts