Focus NHL: alla scoperta dei New York Islanders versione 2018-2019

Focus NHL: alla scoperta dei New York Islanders versione 2018-2019

(rossana pilotti) Terza tappa nell’ambito del nostro Focus NHL di presentazione delle 31 franchigie edizione 2018-2019, che riparte, dopo la volta dei Washington Capitals e dei New York Rangers, ma rimanendo sempre nell’ambito della Metropolitan Division, dai New York Islanders.

NY Islanders che sono finiti sotto i riflettori mediatici dal 1° luglio scorso, allorquando “l’uomo-copertina” John Tavares ha deciso di mollare la squadra con cui aveva sempre giocato sin dal suo esordio in NHL nel lontano 2009, per portare i suoi talenti ai Toronto Maple Leafs.
Inevitabile, quindi, una rifondazione. Ancor più necessaria se si pensa che gli Isles da 2 stagioni consecutive non riescono a qualificarsi ai playoff e neanche nel recente passato, quando ai playoff ci sono arrivati, sono mai riusciti a fare molta strada.
Probabilmente è stato anche questo uno dei motivi per cui Tavares non ha voluto rimanere ed è andato in una squadra che sembra più pronta a competere ai massimi livelli ora, senza aspettare l’inizio di nuovo ciclo.
La rifondazione in casa Isles è stata profonda e dietro c’è una “vecchia volpe” come Lou Lamoriello. Nominato nuovo presidente operativo il 22 maggio scorso, Lamoriello non ha perso tempo ed ha immediatamente licenziato G.M. e capo-allenatore, rispettivamente Garth Snow e Doug WeightPoi si è auto-nominato nuovo General Manager ed è riuscito a convincere Barry Trotz, fresco vincitore della Stanley Cup 2018 con i Washington Capitals, a sposare la causa dei New York Islanders

Persi con la free agency, non solo Tavares, ma anche il goalie Jaroslav Halak, il difensore Calvin De Haan e l’attaccante Nikolay Kulemin, che è ritornato in Russia, nella Kontinental Hockey League, gli Isles hanno “portato a casa” dal mercato estivo, come nuovo portiere titolare Robin Lehner e due attaccanti esperti come Leo Komarov e Valtteri Filppula.
Arruolati anche il 26.enne talentuoso attaccante 
Tom Kuhnhackl, vincitore delle Stanley Cup 2016 e 2017 con i Pittsburgh Penguins, il “roccioso” Matt Martin, che avevamo già visto per ben 6 stagione indossare questi colori, ritornato a New York da uno scambio con i Toronto Maple Leafs ed infine il 28.enne attaccante Jan Kovar dal Metallurg Magnitogorsk (Kontinental Hockey League russa).
Senza dimenticare che gli Isles hanno aspettative molto alte dal vincitore del Calder memorial Trophy 2018 Matthew Barzal, reduce da una stagione da rookie condita da ben 85 punti e che con la partenza di Tavares, è stato promosso centro della prima linea d’attacco, accanto ad Anders Lee e Jordan Eberle.
Un altro giovane su cui si fondano molte delle speranze degli Isles è l’attaccante Joshua Ho-Sang, scelto al 1° turno dell’Entry Draft 2014, ha già mostrato lampi di classe nelle ultime 2 stagioni, in cui però si è diviso fra la prima squadra ed il farm team di Bridgeport della AHL.

About The Author

Related posts